Da Capitano Kirk a Major Tom


Di James Tiberius Kirk alias William Shatner ce ne siamo occupati spesso in questo blog. Infatti il nostro caro capitano oltre alla passione per il teletrasporto e per la velocità superluminale ha anche quella per le brutte cover.
Già in passato abbiamo pubblicato le sue cover di Beatles e Queen.Oggi invece ci occupiamo dell'ultimo suo album di spaceodittyiana ispirazione dal titotolo Seeking Major Tom, datato 2011 .
Dal grado di Capitano il nostro Kirk si autopromuove a Maggiore sostituendo il signor Spock con Zakk Wylde e il dottor McCoy con Ritchie Blackmore. Anche tutto il resto dell'equipaggio è di altissimo livello.Infatti altri ospiti d'eccezione sono Alan Parsons, Peter Frampton,Ian Paice,Carmine Appice,Sheryl Crow, notevole anche la scelta delle canzoni, con brani di Thomas Dolby, Balck Sabbath, Norman Greenbaum,Pink Floyd e naturalmente tutti i classici 'spaziali' da Rocket Man a Walking on the Moon con ovviamente Space Oddity e il disperso Major Tom a fare da tema per tutto l'album. Pessima  la copertina, forse una delle più brutte di sempre  però,se si ha la pazienza di ascoltarlo, il risultato non è poi così terribile, anche se il cantato 'spoken' alla lunga stanca.Se si attraversa indenni la versione parody di Bohemian Rhapsody forse si può riuscire ad ascoltare anche le ultime due sorprendenti cover di Iron Man e Planet Earth.
Il viaggio alla ricerca del maggiore è duro ma vi risparmio la fatica, ecco una selezione degli episodi più clamorosi:




Black Sabbath - Iron Man




Duran Duran - Planet Earth




Pink Floyd - Learning to fly




Queen - Bohemian Rhapsody




David Bowie - Space Oddity
Oppure di che ti pace il post

3 commenti:

semplicemente un pazzo

Anonimo
14 ottobre 2013 10:22 comment-delete

definito crimine contro l'umanità in webnotte

Anonimo
13 novembre 2013 14:43 comment-delete

La cover di space oddity riesce ad essere quasi più brutta della versione italiana coi testi di Mogol. Quasi..

SpammerRusso
20 novembre 2013 01:44 comment-delete

Posta un commento